Cosa fare a Washington DC – le esperienze da non perdere nella capitale USA

Condividi il viaggio!

cosa vedere a washington

Se pensi a Washington DC la prima cosa che ti viene in mente è la Casa Bianca, o la capitale degli Stati Uniti. È ovvio che quello che conosci su una città influenza l’immagine che ti costruisci nella mente.

Non ero particolarmente interessata a visitare Washington: la città della Casa Bianca e del presidente degli Stati Uniti – governo, politica, auto celebrazione. Me la immaginavo istituzionale, con un’immagine di rappresentanza, e non molto divertente. Ero più interessata a Philadelphia e sono finita qui quasi per caso, perché era vicina e sembrava un peccato non visitarla.

cosa vedere a washington

Una delle prime cose che ho visto in città!

È anche ovvio che l’immagine mentale che ci si crea di questa città difficilmente corrisponde alla realtà, ed uno dei lati più piacevoli del viaggio è proprio farsi sorprendere da un luogo, cambiare opinione e dire “pensavo, e invece…”.

Washington DC mi ha fatto ricredere soltanto a metà. In parte l’ho trovata proprio come me la immaginavo: monumentale e istituzionale, almeno nella zona di downtown, una città che si prende sul serio. A volte mi è sembrata sproporzionata – non troppo grande, ma disarmonica – altre volte ho avuto l’impressione che sia stata costruita per chi ci lavora, e non per chi ci vive.visitare washington DC

Ma per altri versi ha saputo sorprendermi: appena si esce dal centro le cose cambiano. Nei quartieri limitrofi ho scoperto una città molto più divertente di come la immaginavo – c’è vita (notturna) a Washington! – e zone molto carine e caratteristiche, come Georgetown.

Così il classico post su cosa fare a Washington DC è diventato un ibrido: la prima parte è dedicata alla capitale istituzionale, con i suoi musei storici, i monumenti e i luoghi del governo americano. Nella seconda parte invece ti segnalo i luoghi più particolari e curiosi, le esperienze che mi hanno divertita di più e il lato meno formale di Washington.

cosa vedere a washington

Sobrietà americana. Il neoclassico fa subito eleganza.

Dove dormire a Washington

Io sono stata in ostello DC Lofty, che si è rivelato un’ottima scelta quando cercavo un ostello a Washington (ho evitato quelli centrali perché costavano troppo). È un ostello molto carino all’interno di una abitazione a schiera, pulito e dall’atmosfera accogliente. Il DC Lofty si trova in una zona tranquilla e molto comoda per esplorare la città: vicino a Logan Circle, a circa mezz’ora a piedi dal National Mall e ben collegato dagli autobus anche a tarda notte.

Se invece di un ostello preferisci un hotel o un altro tipo di alloggio controlla i prezzi su Booking e trova la sistemazione che fa per te.

Cosa fare a Washington DC – guida alla capitale degli Stati Uniti

Cosa fare a Washington DC – Visitare il National Mall

La parte ufficiale e istituzionale della città è tutta concentrata intorno al National Mall, un grande prato a forma di T. Beh, grande non è la parola esatta: è immenso, non lasciarti ingannare dalle mappe dove sembra di dimensioni umane, per percorrerlo tutto a piedi e vedere rapidamente le tante attrazioni che vi si trovano ci vogliono diverse ore.

Intorno al National Mall c’è tutto quello che abbiamo visto nei film e che ci si aspetta di vedere a Washington: il Lincoln Memorial e l’altro memoriale dedicato a Martin Luther King, il celebre obelisco. E poi i tanti memoriali per ricordare solo alcune delle guerre combattute dagli USA nel mondo: Corea, Vietnam, e naturalmente la Seconda Guerra Mondiale.

Solo fare una passeggiata nella zona del National Mall occupa almeno mezza giornata, e calcola di camminare più di quanto ti aspetti.


cosa vedere a washington

Cosa fare a Washington – visita al Capitolo

Lo US Capitol, ovvero il luogo dove si riunisce da oltre 200 anni il Congresso degli Stati Uniti e dove ogni presidente giura all’inizio del proprio mandato. Il Capitolo si trova all’estremità est del National Mall, la sua cupola funge da punto di riferimento per orientarsi in città; alle sue spalle il quartiere di Capitol Hill. Anche se è un luogo istituzionale in funzione e con numerosi sistemi di sicurezza, è possibile visitare il Capitolo gratuitamente (ma prenotando prima con largo anticipo). La mia amica Simona c’è stata e qui racconta la sua visita allo US Capitol.

E poi naturalmente c’è la Casa Bianca, la star della città, che si può vedere solo da lontano, attraverso la recinzione: al vedere la White House erano tutti elettrizzati tranne me, che ero mediamente interessata alla cosa, tanto non è che puoi farci molto di più di una foto. Infatti per i cittadini stranieri è praticamente impossibile visitare la Casa Bianca: per adesso le visite guidate sono riservate ai soli cittadini americani.

cosa vedere a washington

Sono riuscita a non fotografare la cancellata della Casa Bianca

Cosa vedere a Washington: i musei dello Smithsonian’s Institute

I musei dello Smithsonian’s Institute invece mi hanno elettrizzata eccome: sono gratuiti e per tutti i gusti, dal National Space and Air Museum al National Museum of the American Indian, fino a quello dedicato alla storia e alla cultura degli Afro-Americani. Sono tra i musei più grandi e importanti del mondo (e sono tantissimi, qui puoi vedere la lista completa). Visitarli richiede tempo: ho dovuto scegliere, non avendo tempo sufficiente per visitarli tutti, e ho scelto il National Museum of Natural History (c’erano dubbi al riguardo?) e quello di American History.

cosa vedere a washington

Welcome to the Smithsonian’s Museum of Natural History

Smithsonian’s Natural History Museum

L’unico termine che rende giustizia allo Smithsonian’s National Natural History è Disneyland dei secchioni. È enorme, divertente e pieno di cose strabilianti come lo scheletro completo di un t-rex e un diamante blu grosso come una prugna, e naturalmente è interattivo e coinvolgente. Ho accarezzato gli scarafaggi giganti, toccato le orchidee più rare e fatto domande ad un paleontologo al lavoro. L’ho raccontato in dettaglio in un post a parte perché il National Museum of Natural History se lo merita.

National Museum of American History

Il National Museum of American History è decisamente in stile americano. Solenne e celebrativo quando si tratta di mostrare la carrozza che portò Lincoln verso la morte al Ford’s Theatre o la Star-Spangled Banner, la bandiera che nel 1814 ispirò l’inno nazionale americano; pop e divertente quando espone cimeli del cinema o caramelle entrate nella cultura americana e mondiale.cosa vedere a washington

Oak Hill Cemetery

Mi sono alzata presto per visitarlo come prima cosa del giorno. Si trova all’estremità nord del quartiere di Georgetown, ed è uno dei più bei cimiteri giardino dove sia mai stata. Fondato a metà ‘800, si stende su diverse piccole colline dai fianchi ripidi, i sentieri con le pietre divelte e le graziose panchine serpeggiano intorno alle lapidi, salgono si trasformano in ponticelli per attraversare un ruscello. A primavera sui prati sbocciano migliaia di fiori selvatici colorati, e se non fosse che molte persone non trovano le tombe particolarmente allietanti, sarebbe un posto ideale per una passeggiata romantica.

Se vuoi saperne di più, per la mia rubrica Cemetery Safari ho dedicato un post al Cimitero di Oak Hill.

visitare washington DC

Visitare Washington: il quartiere di Georgetown

La zona della città che mi è piaciuta di più. Sede di una importante università, è un quartiere storico pieno di giovani, e quindi di vita notturna: bar, club, locali, ristoranti carini e negozi particolari (niente grandi catene per intenderci), che si concentrano lungo il fiume Potomac. A parte l’atmosfera vivace, Georgetown merita una visita anche per le sue affascinanti case in mattoni del ‘700 e ‘800, situate a nord del fiume, sul fianco in pendenza della collina.visitare washington DC

visitare washington DC

Curiosità a Washington DC: la scala dell’Esorcista

Proprio a Georgetown c’è un luogo imperdibile per i fan del cinema horror: la famosa scalinata dell’Esorcista, quella da cui padre Karras cade alla fine del film. La scala che ha terrorizzato generazioni di ragazzini si trova in Prospect Street (all’altezza della 36th St.), e la collega a M Street che si trova sopra.

scala dell'esorcista washington

Cosa fare a Washington: il Museo delle Spie

Questo è uno dei musei più intriganti della mia lunga carriera, e sicuramente tra i must della capitale USA. A metà tra realtà e immaginario collettivo, all’International Spy Museum le spie vengono raccontate in (quasi) tutti i loro aspetti, da quelli più tecnici a quelli cinematografici e letterari. Il museo è interattivo e coinvolgente, all’inizio si sceglie una falsa identità da spia, e durante la visita il visitatore verrà messo alla prova per vedere se è in grado di non far saltare la propria copertura. C’è tutto quello che pretendevo da un Museo delle Spie: gadget tecnologici di ogni epoca, paranoia da KGB e una bellissima mostra dedicata ai cattivi di James Bond (ho sempre avuto un debole per Blofeld).

Scopri tutte le curiosità nel post che ho scritto proprio sul Museo delle Spie!

visitare washington DC

Cosa fare a Washington DC: un giro a U Street

Questa strada nella zona di Shaw è chiamata anche Black Broadway, perché per molti anni è stata il cuore della più grande comunità afro-americana d’America. Oggi U Street è decisamente più multiculturale (anche se è ancora forte la componente afro-americana), ed è un concentrato di bar, club, ristoranti e locali di ogni tipo, the place to be per la vita notturna a Washington. Nel giro di poche ore ho mangiato una cena vietnamita, ho bevuto una birra in un blues bar e poi un paio di moonshine in un bar in stile appalachian. Il moonshine è l’alcool fatto in casa, illegale ai tempi del proibizionismo e ancora oggi in alcuni stati, tradizione e orgoglio locale di posti come il West Virginia. A Washington è una cosa molto meno da rebels, visto che si tratta di gustosi liquori artigianali alla frutta serviti legalmente praticamente ovunque.

Mangiare a Washington DC: Ben’s Chili Bowl

Una tappa che non potevo perdere lungo U Street. Ben’s Chili Bowl è un locale storico dove mangiare uno dei chili dog più buoni degli Stati Uniti – posso confermare che la sua fama è ampiamente meritata – accompagnato da patatine croccanti sommerse da una valanga di formaggio fuso. Gli unici clienti che hanno avuto l’onore di mangiare gratis qui sono stati Bill Cosby e Barack Obama, ritratti in un murales sulla parete esterna del ristorante. Ho molta nostalgia del chili dog e delle patatine formaggiose di Ben, e devo ammettere che una volta me li sono sognati di notte. Quel chili dog da solo è un ottimo motivo per tornare a visitare Washington DC.

visitare washington DCVisitare la Cattedrale di Washington

È talmente straordinaria che penso ne parlerò meglio in un post a parte. Dimentica la seria solennità delle cattedrali cattoliche europee, e pure la loro storia: quella episcopale di Washington è nuova di zecca a confronto, ed è assolutamente una cattedrale pop. C’è una vetrata dedicata alla spedizione nell’Ovest di Lewis e Clark, e un’altra vetrata che celebra le missioni spaziali con una pietra lunare incastonata. Fuori imita il gotico francese, dentro il gotico inglese, e nella cripta c’è un immenso gift shop. I gargoyles esterni raffigurano di tutto: un pendolare, un cammello, Darth Vader e molto altro.

Questa chiesta meritava un approfondimento, scopri di più nel mio articolo dedicato alla Cattedrale di Washington!

visitare washington DC

Per organizzare il tuo viaggio ti consiglio:

washington dc cosa fare
Ti è piaciuto questo post? Condividilo su Pinterest!

Condividi il viaggio!

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.