Oceanografic Valencia – info e consigli per la visita

Condividi il viaggio!

È il più grande parco marino d’Europa, ospita oltre 500 specie diverse ed è forse più famoso per la sua suggestiva architettura che per il contenuto: sto parlando dell’Oceanografic di Valencia, o Museo Oceangrafic, ed ero molto curiosa di visitarlo all’interno, dopo averlo ammirato da fuori due anni fa.

Museo Oceanografico o parco marino, due modi diversi per definire quello che è in sostanza un immenso acquario suddiviso in diversi padiglioni che riproducono tutti o quasi gli ambienti marini del nostro pianeta.

oceanografic valencia

Visitare l’Oceanografic di Valencia

Quello che rende speciale questo acquario rispetto ad altri non sono soltanto le specie marine presenti, ma anche l’involucro architettonico che le ospita. I tanti padiglioni sono come ecosistemi e mondi separati, che avvolgono lo spettatore con grandi vasche e incontri ravvicinati con gli animali, separati solo da un vetro.

foca all' oceanografico di valencia

Lo spettacolo dei delfini e il delfinario

Oltre alle centinaia di specie di pesci, molluschi e altre creature, qui le vere star sono i mammiferi marini: i due trichechi, i beluga, e le foche, che si trovano nella sezione dedicata agli ambienti artici insieme ai pinguini di Humboldt.

Ma soprattutto c’è un grande delfinario dove due volte al giorno si tiene uno spettacolo con i delfini ammaestrati, che è il motivo principale per cui le persone visitano questo parco.

Orari degli spettacoli dei delfini

Gli orari dello spettacolo dei delfini variano in base alla stagione, e possono essere sospesi in caso di maltempo o se gli animali sono in forma. Anche se generalmente si tengono a metà pomeriggio, in realtà l’unico modo per sapere con certezza se e quando ci sarà lo spettacolo al delfinario, è andare di persona all’Oceanografic e verificare il programma del giorno.

Il tunnel degli squali

La sale più spettacolari secondo me sono due: la prima è la galleria di 70 metri dove si può letteralmente camminare circondati da decine di squali, che nuotano tutto intorno al percorso di visita. E poi razze e mante, squali martello, piccoli e grandi pesci esotici…

tunnel degli squali oceanografic

La vasca dei pesci tropicali

La seconda è la grande vasca dedicata ai pesci tropicali con il soffitto che sembra la carena di una nave o la pancia di una balena, e sembra davvero di stare sotto alla superficie del mare. Questa sala è forse la più bella e la più caratteristica dell’intero complesso, dove si riconosce subito l’architettura di Calatrava, che racchiude ippocampi, stelle marine, meduse, anemoni colorate…

La voliera degli uccelli esotici

Altrettanto scenografica è l’enorme voliera esterna che sembra una bolla gigante, e che ospita uccelli esotici e affascinanti come i fenicotteri rosa e i pulcinella di mare.

Rimane aperta la questione etica: è giusto tenere in cattività tanti animali, anche grandi mammiferi, a scopo educativo e divulgativo?

visitare l'oceanografic valencia

Il Cinema 4D

All’interno dell’Hemisferic c’è un cinema tipo IMAX che proietta brevi film in 4D dedicati agli animali marini e alla vita negli oceani. L’ingresso è vietato ai bambini sotto ai 4 anni.

Il ristorante sottomarino

Un ristorante chic, ospitato in una sala sotterranea completamente circondata da una enorme vasca nella quale nuotano migliaia di pesci. Il ristorante subacqueo on è a buon prezzo ma neanche carissimo, il menu degustazione per la cena costa 50 euro ed è perfetto per una serata speciale e sorprendente.

Oceanografic di Valencia, una architettura iconica

Il Parco Oceanografic di Valencia fa parte dell’enorme complesso dedicato all’arte, alla scienza e alla cultura che è la Ciutat de les Arts i les Ciències, progettato da Santiago Calatrava. Il complesso comprende anche il Palau de les Arts Reina Sofia (il teatro dell’opera), un cinema Imax nell’Emisferic, il Museo delle Scienze Principe Felipe, un giardino alberato che nasconde un parcheggio, una grande piazza coperta per eventi ed un iconico ponte.

La firma dell’architetto valenciano (ormai talmente famoso da essere onnipresente) è riconoscibile ovunque. La Ciutat de les Art y les Ciències è stata costruita a partire dal 1996, ed in pochissimi anni è diventata la nuova icona di Valencia, oltre che una delle attrazioni più visitate di tutta la Spagna.

Le architetture ricordano le forme di organismi marini e simboli legati agli oceani: conchiglie, balene, navi e molluschi, e quello che l’immaginazione suggerisce all’occhio dello spettatore: ognuno può vederci quello che vuole.

parco oceanografico valencia

Orari di Apertura dell’Oceanografic di Valencia

Il Parco Oceanografico è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18. Il sabato l’apertura viene prolungata fino alle 20. Nei giorni di festività possono esserci chiusure o orari ridotti, ti consiglio di verificare gli orari di apertura sul sito ufficiale.

Oceanografic di Valencia: biglietti

Il biglietto di ingresso è comprensibilmente alto, 31,30 euro per un adulto, ma ci sono molti biglietti combinati (anche con il Museo delle Scienze e l’Hemisferic) e sconti per bambini, studenti, famiglie numerose e gruppi.

Conviene di sicuro fare la Valencia Card che comprende l’ingresso a questo museo e a molti altri luoghi interessanti della città, ed include anche tutti i trasporti pubblici.

Calcola almeno 3 ore per la visita dell’intero Oceanografic, di più se pensi di vedere lo spettacolo dei delfini o partecipare ad altre attività.

Visite guidate dietro le quinte

Su prenotazione sono previste anche visite guidate “dietro le quinte” dell’acquario, durante le quali si possono vedere da vicino gli animali e assistere alla distribuzione del cibo e alle ispezioni delle vasche. Per maggiori informazioni consulta il sito ufficiale.

anemoni pinguni e meduse all'acquario di valencia

Come arrivare all’Oceanografico di Valencia

Dal centro di Valencia, il parco marino si raggiunge in circa 25 minuti, con gli autobus 15 e 95.

Altri post che possono esserti utili:


Per organizzare il viaggio ti consiglio:


Condividi il viaggio!

Un commento

  • Grazie per la descrizione accurata, molto interessante l’intero complesso.
    La questione etica c’è e resta comunque ed é riferibile a qualsiasi tipo di struttura simile, sia essa un acquario, uno zoo, ecc…
    Credo sia importante ed utile stimolare un confronto in questo senso, per sentire più voci e ragionare di conseguenza, per cui ben venga la tua domanda!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.