Manuel Antonio, Costa Rica. Cosa vedere e consigli di viaggio

Condividi il viaggio!

Manuel Antonio è stata la terza tappa del mio viaggio in Costa Rica: dopo cinque giorni sulle montagne è venuto il momento di andare al mare! Il bello di Manuel Antonio è che accontenta tutti, sia chi vuole passare la giornata su una spiaggia da cartolina, sia chi vuole scoprire la natura selvaggia del Costa Rica facendo trekking e escursioni nel parco nazionale. Io ho passato qui tre giorni e ho fatto entrambe le cose, vita da spiaggia e escursioni nella natura. Tre giorni sono stati un tempo sufficiente per fare e vedere tutto quello che avevo programmato, lasciandomi anche molto tempo libero per poter oziare in riva al mare.

Ma bando alle ciance, veniamo ai consigli utili su cosa fare e vedere a Manuel Antonio, e come organizzarsi al meglio per visitare questa località del Costa Rica.

Può interessarti anche:

Come arrivare a Manuel Antonio

Manuel Antonio si trova lungo la costa pacifica del Costa Rica, circa 70 km a sud della città di Jacò.

Se arrivi con una macchina a noleggio dalla capitale San José ci vogliono circa 3 ore di strada facile ma trafficata. Se invece arrivi da Monteverde (come ho fatto io) ci vogliono almeno 3 ore e mezzo, di cui la metà su strade di montagna sconnesse e immerse nella nebbia.

Per noleggiare una macchina per il tuo viaggio ti consiglio di usare RentalCars, un portale che compara le offerte delle più importanti compagnie di autonoleggio, per trovare l’auto giusta al prezzo migliore. Io lo uso da anni e mi trovo sempre molto bene.

tramonto a playa espdailla norte

Se ti sposti con i mezzi pubblici, ci sono autobus extraurbani che partono da San José e raggiungono Manuel Antonio in circa 3 ore (quelli diretti, i collectivos ci mettono di più perché fanno molte fermate). L’autobus in realtà non si ferma proprio a Manuel Antonio, ma ne vicino paese di Quepos, che è collegato a Manuel Antonio con un bus di linea.

In alternativa puoi prendere un minivan condiviso (shuttle van) con altre persone, costano circa 50-60 euro a testa a seconda del tragitto, e ti portano da una località all’altra del Costa Rica.

Meteo, clima e temperature

Il Costa Rica, essendo molto vicino all’equatore, ha solo due stagioni, quella delle piogge e quella asciutta. La stagione asciutta va da dicembre ad aprile, e questo è il periodo migliore per andare a Manuel Antonio (è anche il periodo più caro di alta stagione). Nella stagione delle piogge piove molto di più, ma qualche pioggia di breve durata è molto comune anche durante il resto dell’anno. Io sono andata a novembre, un mese di transizione, e pioveva praticamente ogni giorno, dopo le 16-17 del pomeriggio. 

La pioggia però non è un grosso problema perché tanto fa piacevolmente caldo per tutto l’anno e per tutto il giorno. Le temperature medie si aggirano intorno ai 25-30 gradi e non scendono mai drasticamente, nemmeno di notte.

vista del mare e della foresta a Manuel Antonio, Costa Rica
vista del mare da uno dei ristoranti panoramici del paese

Cosa fare e vedere a Manuel Antonio, Costa Rica

Manuel Antonio più che un paese è un’unica strada che dalla cittadina di Quepos si inerpica su uno sperone roccioso, per poi ridiscendere, costeggiare la spiaggia Playa Espadrilla Norte, e infine raggiungere il Parco Nazionale Manuel Antonio. Quest’unica strada è affiancata da decine di hotel, b&b, ristoranti, bar, resort e ogni altro tipo di attività turistica. Inutile dire che il paese di Manuel Antonio non è il massimo dell’autenticità, ma è una base molto comoda per esplorare i dintorni, soprattutto per chi non ha una macchina a disposizione, perché c’è un autobus locale che fa regolarmente su e giù.

Il villaggio di Quepos

Il paese di Quepos è un po’ più grande, direi una dozzina di strade che si incrociano a 90 gradi in una griglia di isolati regolari. Al centro c’è una piazza giardino, come in ogni cittadina del Costa Rica, e intorno c’è poco altro: qualche supermarket, officine, scuole, chiese. Quepos non brilla né per bellezza né per originalità, però è molto più autentica di Manuel Antonio, e ci sono andata spesso per mangiare nelle soda (più economiche) e per fare un giro al mercato coperto (Feria de Quepos). Se vuoi farti un’idea della vita quotidiana in Costa Rica, di come vivono le persone comuni, Quepos è decisamente più rappresentativa di Manuel Antonio.

Ora arrivo al sodo, ma prima di raccontarti in dettaglio tutto quello che c’è da fare e vedere a Manuel Antonio, un consiglio importante:

Non partire per il Costa Rica senza assicurazione! La prudenza in viaggio non è mai troppa. Io uso da anni l’assicurazione HeyMondo, che offre ottime coperture (anche in caso di covid) e assistenza in italiano H24. Se anche tu scegli HeyMondo per i tuoi viaggi, ti offro uno sconto del 10% sulla tua polizza!

lucertola nel parco nazionale del costa rica manuel antonio

Parco Nazionale Manuel Antonio

Il Manuel Antonio National Park è il motivo per cui è spuntato quell’accrocchio turistico di paese lungo la strada. Un paradiso naturale fatto di foresta pluviale incontaminata, popolata da animali selvatici come scimmie, bradipi, uccelli, insetti e ranocchie colorate, che si spinge fino a lambire due spiagge di sabbia dorata e finissima. Anche se è molto difficile avvistarli, ci sono anche grandi felini come giaguari, puma e ocelot.

Ti consiglio di visitare il Parco Nazionale la mattina presto (apre alle 7), sia per evitare i grossi gruppi di visitatori, sia per evitare le piogge pomeridiane. L’ingresso al Manuel Antonio National Park è a pagamento, il biglietto si può acquistare soltanto online sul sito ufficiale, e costa 18 dollari.

Attenzione: questione parcheggio! Quando percorri in auto l’ultimo tratto della strada di Manuel Antonio, quello che costeggia la spiaggia (Playa Espadrilla Norte) e che raggiunge l’ingresso del parco nazionale, verrai assaltato dai parcheggiatori abusivi. Ti diranno che il parcheggio più avanti è finito, e che devi parcheggiare lì, e loro naturalmente proteggeranno la tua auto dai malintenzionati. Non dargli retta, vai avanti fino all’ingresso del parco dove c’è un parcheggio custodito (un parcheggio vero) che costa 6 dollari al giorno. Se fosse tutto occupato allora torna indietro e affidati agli abusivi per parcheggiare lungo la strada.

Playa Manuel Antonio in Costa Rica
Playa Manuel Anotnio, all’interno del Parco Nazionale

Visitare il Manuel Antonio National Park

Per visitare il parco ho prenotato questo tour con una guida naturalistica, comprensivo di biglietto di ingresso. Volevo essere sicura di vedere gli animali, ed è difficile farlo senza una guida esperta che sa dove si nascondono che ha l’attrezzatura adatta (binocoli e telescopi). Ma puoi anche visitare il parco in autonomia, la guida non è obbligatoria.

Durante il tour sono riuscita a vedere diversi bradipi, tucani e molti altri uccelli, iguane e lucertole di Gesù Cristo (quelle che corrono sul pelo dell’acqua, purtroppo le ho viste a riposo). Le scimmie non le menziono nemmeno perché sono ovunque a Manuel Antonio, non c’è bisogno di andare nel parco nazionale per vederle.

Ci sono delle regole da seguire per visitare il parco nazionale:

  • All’interno è vietato fumare
  • È vietato portare cibo e alcolici all’interno del parco. Si possono portare acqua e bibite analcoliche.
  • L’ingresso è giornaliero, ma una volta usciti non si può più rientrare.
  • L’orario di apertura del parco è dalle 7 alle 16.
  • Il parco nazionale è chiuso il martedì.
guida naturalista per fare birdwatching nel parco nazionale
la nostra guida naturalistica con l’attrezzatura per avvistare gli animali e fare birdwatching

All’interno del parco ci sono due spiagge bellissime, Playa Espadrilla Sur e Playa Manuel Antonio. Se vuoi puoi portare l’asciugamano e il costume, stenderti sulla spiaggia, fare il bagno e passarci tutta la giornata, fino all’orario di chiusura. Io ho fatto il tour guidato la mattina presto, e una volta finito sono rimasta all’interno del parco per godermi le spiagge.

Tieni conto del fatto che non puoi portare cibo, quindi se vuoi passare tutto il giorno sulle spiagge del Manuel Antonio National Park dovrai per forza mangiare qualcosa alla caffetteria interna (che come puoi immaginare è cara, e più che veri e propri pasti ha solo degli snack).

Night tour nella giungla

Di notte si possono vedere animali diversi rispetto a quelli del giorno, molte creature della giungla sono infatti notturne: grandi felini, ma anche insetti e anfibi. Per scoprire questo lato meno visibile della foresta costaricana ci sono i night tour, passeggiate notturne nella giungla con una guida armata di torcia che sa dove trovare gli animali.

Il Manuel Antonio National Park chiude alle 16 e quindi non è possibile farvi tour notturni. Vengono invece fatti in riserve private come il Rainmaker Park.

Rainmaker conservation Park

Il Rainmaker Conservation Park è una interessante alternativa al Parco Nazionale. È una riserva privata con tanti sentieri di trekking che si snodano nella foresta pluviale, e che si trasformano in ponti sospesi e piattaforme di osservazione. Lungo il percorso ci sono splendide cascate e piscine naturali dove fare il bagno. L’ecosistema è più o meno lo stesso del parco nazionale, ma con il vantaggio che è molto meno turistico e affollato.

Il parco è aperto tutti i giorni dalle 7.30 alle 18, il biglietto di ingresso costa 20 dollari. È disponibile un semplice pranzo (il tipico Casado costaricano) su richiesta.

Oltre al night tour di cui ti parlavo prima, naturalmente puoi fare anche un’escursione guidata diurna al Rainmaker Park.

scimmia nella foresta del parco nazionale

Birdwatching a Manuel Antonio

Ho scoperto da poco la passione per il birdwatching, e questo viaggio in Costa Rica ha aumentato parecchio il mio interesse. Non avrei mai pensato che osservare i pennuti mentre fanno gli affari loro fosse così rilassante e eccitante allo stesso tempo. A Manuel Antonio, essendo sulla costa pacifica, ci sono specie di uccelli diverse da quelle che si possono osservare in località di montagna più famose per questa attività, come La Fortuna e Monteverde. In particolare sono rimasta folgorata dagli Ara Macao, che vivono in coppie e gruppetti sugli alberi ai margini delle spiagge, e che si alzano in volo come fiamme scarlatte nel cielo. E poi tucani e aracarì, dozzine di specie diverse di colibrì, avvoltoi, falchi e aquile, il delizioso scarlet-rumped tananger, e molti altri.

l’Ara Macao e l’Ara Verde erano quasi scomparsi in Costa Rica, ma sono stati reintrodotti grazie ad un coraggioso progetto: per saperne di più leggi la storia di The Ara Project.

Spiagge a Manuel Antonio, Costa Rica

Se quello che cerchi è un posto al sole, i piedi affondati nella sabbia fine e una noce di cocco in mano, Manuel Antonio è il posto giusto. Ci sono diverse spiagge che si aprono tra le rocce scure della costa, dove rilassarsi dopo una giornata passata a fare escursioni e trekking nella foresta.

L’area di Manuel Antonio è tutto sommato limitata, quindi tutte le spiagge elencate di seguito si trovano a breve distanza l’una dall’altra.

Playa Espadilla Norte

Questa è la spiaggia principale di Manuel Antonio, una lunga striscia di sabbia bianca bordata da mangrovie e altri grandi alberi. È difficile non trovarla, affianca l’ultimo tratto dell’unica strada di Manuel Antonio, dove ci sono bar, ristoranti, chioschi. È una spiaggia libera e ad accesso gratuito, ma attrezzata. Ed è qui che si concentra la vita notturna di Manuel Antonio.

Io ho noleggiato un ombrellone con due sdraio per 5 dollari al giorno, ma ci si può riparare dal sole anche gratis, sotto agli alberi ai margini della spiaggia. Il mio compagno ha affittato una tavola da surf (20 dollari per tutta la giornata) e ha fatto surf, mentre io mi sono data all’ozio, comprandomi noci di cocco (la pipa fria) e succhi di frutta dai venditori ambulanti e aspettando il tramonto.

playa espadilla Norte
Playa Espadilla Norte

Playa Espadilla Sur

È il prolungamento di Playa Espadrilla Norte, le due spiagge gemelle sono divise da un promontorio roccioso. La differenza tra le due è che Playa Espadrilla Sur si trova all’interno del Manuel Antonio National Park, quindi l’accesso è a pagamento, e valgono tutte le regole del parco nazionale.

Non credo ci sia bisogno di dire che Playa Espadrilla Sur è molto più bella, incontaminata e selvaggia della sua sorella Norte. Niente ombrelloni, niente venditori di cocco, niente surfisti. Solo mare, foresta e sabbia.

Playa Manuel Antonio

Playa Manuel Antonio è l’altra spiaggia all’interno del Parco Nazionale. Si trova molto vicino a Playa Espadrilla Sur, a pochi passi di distanza. In effetti le due spiagge si trovano sui due lati opposti dello stretto istmo che collega un promontorio (un altro, più grosso). C’è un punto panoramico in cima al promontorio che si raggiunge con una breve ma ripida scalinata, da cui si gode di una bella vista sulla costa e sull’Oceano Pacifico.

Playa Biesanz

Playa Biesanz è una piccola spiaggia, una mezzaluna di sabbia bianca e acque cristalline, abbracciata dalla foresta. Ci si arriva percorrendo un breve sentiero sconnesso nella foresta (meno di 5 minuti), dopo aver parcheggiato la macchina lungo la strada e aver pagato il solito custode-parcheggiatore abusivo. La spiaggia è libera ma ci sono ombrelloni e sdraio da noleggiare, e un chiringuito che fa da bar e ristorante sulla spiaggia (caro appestato). È una spiaggia bellissima, ma la cosa più bella è che ci sono due bradipi appollaiati in cima a due alberi proprio ai margini della spiaggia. Chiedi ai ragazzi del chiuringuito di indicarteli perché anche se sono molto vicini sono difficili da vedere, si mimetizzano molto bene. Ammirali ma lasciali in pace.

Ti consiglio di andarci la mattina presto, quando ancora non c’è nessuno o quasi. Dopo mezzogiorno diventa più affollata, ma mai animata quanto Playa Espadrilla Norte. Quella di Biesanz è decisamente la spiaggia che mi è piaciuta di più a Manuel Antonio!

playa Beisanz Manuel Antonio
Playa Beisanz

Playa La Macha

Un’altra spiaggia piccola, selvaggia e incontaminata, la più tranquilla di tutte, anche perché è la più difficile da raggiungere. Ci si arriva con un trekking abbastanza impegnativo di 20 minuti in discesa, su un sentiero molto sconnesso, e l’ultima parte è molto ripida (e pericolosa).

Alla spiaggia di La Macha non c’è proprio nulla, né sdraio, né ombrelloni, né chiringuito, solo la natura magnifica del Costa Rica e l’Oceano Pacifico. Se vuoi andarci preparati adeguatamente portandoti qualcosa da mangiare, ma soprattutto tanta acqua.

Altre cose da fare a Manuel Antonio

Se sei un amante dell’avventura e dell’adrenalina il Costa Rica è il posto giusto. Praticamente ovunque ci sono zipline (chiamate canopy tours) per sfrecciare sospesi sulla foresta tropicale, fiumi da percorrere in kayak, torrenti e canyon da attraversare. O magari invece puoi rilassarti con un giro in barca al tramonto.

Zipline – El Santuario Canopy Tour

Anche se le zipline più belle e eccitanti si trovano a Monteverde, c’è un parco avventura anche a Manuel Antonio, El Santuario Canopy Tour, che vanta la zipline più lunga del mondo, di 1,3 km (in realtà la più lunga è a Monteverde, ben 1.6 km). 

Giri in barca

Un giro in barca è decisamente meno spericolato delle zipline, ma ne vale la pena. Ci sono moltissime compagnie che offrono giri in barca durante i quali si può nuotare e fare snorkeling, e di solito includono il pranzo e il trasporto da e per il tuo hotel. Con un po’ di fortuna si possono anche incontrare delfini, balene e tartarughe marine.

Tour nelle mangrovie

Quello delle mangrovie è un ecosistema unico e importantissimo: le radici di questi alberi fungono da filtro tra le acque dolci e quelle salate, e offrono riparo a numerosissime specie. Per osservare questo ambiente così particolare si possono fare dei tour nella foresta di mangrovie, sia in kayak che con piccole imbarcazioni a motore.

Lezioni di surf

Manuel Antonio (e la costa pacifica del Costa Rica in generale) sono tra gli spot più famosi al mondo tra i surfisti. Ma è un posto perfetto anche per chi non mai provato e vorrebbe imparare a fare surf: ci sono le onde giuste, molte scuole di surf e la possibilità di noleggiare una tavola per esercitarsi. Che ne dici di prendere qualche lezione?

bradipo nella foresta del costa rica
Quella palla di pelo è uno dei bradipi di Playa Biesanz

Dove mangiare

I ristoranti a Manuel Antonio non mancano, ce ne sono di ogni tipo. Molti di quelli che si trovano sul lato ovest della strada hanno una terrazza con vista sull’oceano, come ad esempio il famoso El Avion, con l’inconfondibile aereo d’epoca che spunta dall’edificio. Lo consiglio per la terrazza (il panorama è magnifico) e per la curiosità dell’aereo, che si può visitare, ci hanno fatto un bar dentro. Ma è piuttosto caro, io ci ho preso solo un caffè e un succo di frutta.

In effetti tutti i ristoranti in Costa Rica sono cari, ma offrono molta varietà di cibo, dalle cucine etniche a quella vegan. Per risparmiare qualcosa è meglio mangiare nelle soda, piccoli ristoranti a gestione familiare, che offrono piatti semplici della cucina costaricana, come il casado. Le soda non possono servire alcolici, e un pasto costa circa 8 euro a testa. Ma di contro ho trovato il cibo delle soda un po’ monotono, sempre gli stessi piatti con gli stessi sapori. Buoni, ma alle lunghe stancano.

Comunque le soda migliori le ho trovate al mercato di Quepos, con prezzi un po’ più bassi rispetto a quelle di Manuel Antonio, e con piatti più autentici e un’ atmosfera decisamente meno turistica.

Un buon ristorante con prezzi più vicini a quelli delle soda è El Cerdo Feliz, che si trova lungo una stradina secondaria, a poche centinaia di metri dal centro di Manuel Antonio.

dove e cosa mangiare
Uno degli snack più buoni, i patacones, fette di platano fritte accompagnate da varie salsine

Dove alloggiare a Manuel Antonio, Costa Rica

La maggior parte degli hotel, resort e guest house si trovano lungo la strada principale di Manuel Antonio. Non avrai problemi a trovare un alloggio perché ce ne sono di ogni tipo e per ogni budget.

Io ho alloggiato all’Hotel Tres Banderas e mi è piaciuto molto, aveva un ottimo rapporto qualità-prezzo. La mia camera era enorme, pulitissima e con un balcone che si affacciava sul giardino tropicale, pieno di scimmie e uccelli. L’hotel Tres Banderas ha anche un bar e ristorante con piscina, e se come me ti sposti con una macchina a noleggio, c’è un grande parcheggio per gli ospiti (parcheggiare lungo la strada è difficile e rischioso).

Comunque su Booking trovi tantissime soluzioni per dormire a Manuel Antonio, basta usare i filtri per la ricerca per trovare l’hotel che fa per te. Puoi anche allargare la ricerca agli hotel di Quepos per avere più opzioni economiche.

Credo di aver finito, è tutto! Spero di esserti stata utile per organizzare il tuo viaggio e goderti le spiagge e la natura di Manuel Antonio, Costa Rica. Spero anche non aver dimenticato nulla, ma se hai domande o altri consigli da aggiungere ai miei, lasciami un commento e ti risponderò.

Per organizzare il viaggio ti consiglio:


Condividi il viaggio!

Iscriviti QUI SOTTO alla mia newsletter!
Approfondimenti su viaggi, cimiteri e molto altro:

2 commenti

  • Grazie per queste indicazioni. Io sto programmando un viaggio in Costa Rica da sola. Non voglio però guidare, vorrei invece prenotare gli spostamenti in mini van, collettivi. Sai darmi qualche indicazione in merito? Grazie mille

    • ciao Serena, puoi tranquillamente spostarti con i minivan collettivi, in questo caso chiederei di prenotarli agli hotel o ostelli dove soggiornerai! Buon viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.