Taipei – Guida per visitare la capitale di Taiwan

Condividi il viaggio!

taipei taiwanIl mio viaggio a Taiwan è iniziato e finito a Taipei. Nel mezzo ci sono state spiagge, montagne, scimmie, escursioni in scooter, piccoli villaggi e altre città. Ma Taipei, anche se forse poco rappresentativa dell’intero Paese, mi è piaciuta tanto, fin da subito. Ci ho passato 3 giorni interi all’inizio del viaggio, prima di cominciare il giro dell’isola zaino in spalla, e alla fine sono stata felice di tornarci per gli ultimi due giorni prima di volare in Italia. È una città modernissima dove tra i grattacieli spuntano piccoli templi di quartiere, tra un negozio di cellulari e uno di medicina tradizionale cinese. Viene spesso descritta come caotica, ma per essere una metropoli asiatica da circa 8 milioni di abitanti io l’ho trovata incredibilmente tranquilla e ordinata. Ed è ricchissima di cose da fare, da vedere, da mangiare (non sarà facile scrivere cosa fare a Taipei!) 5 giorni in una città tutto sommato non sono pochi, ma non mi sono minimamente bastati per soddisfare la mia curiosità, ogni giorno aggiungevo voci alla mia lista facendo scoperte casuali o ascoltando i consigli delle persone. Ho anche passato del tempo con gli amici e le loro famiglie, e anche se l’ho sottratto alla visita della città, è stato tempo prezioso che mi ha arricchita molto, quindi è stato ben speso.

Qui trovi l’itinerario del mio viaggio a Taiwan

viaggio taipei

Ma ora la pianto con le chiacchiere e passo alla pratica: cosa vedere a Taipei? E poi come spostarsi, dove dormire, insomma come organizzare un viaggio nella capitale di Taiwan. Ecco per te una mini guida (non troppo mini, a rileggerla) basata sulla mia esperienza e sui preziosi consigli del mio team personale di consulenti: Jon, Ting, Roger e Daisy.

Guida a Taipei – cosa vedere, dove dormire e mangiare

Dove dormire a Taipei

Per quanto riguarda gli hotel a Taipei ho seguito il consiglio di un amico e ho scelto di alloggiare nel quartiere di Dadaocheng, che si è rivelato un’ottima base. Perché è un quartiere centrale e storico della città, vicino a molte attrazioni che volevo visitare e ben collegato con metropolitana e autobus.

Colazione al We Come Hostel

Per i primi giorni di soggiorno ho prenotato un ostello, il We Come Hostel. È davvero molto carino, pulitissimo e accogliente, dove è stato facile incontrare altri viaggiatori fare due chiacchiere. Anche se è ospitato al secondo piano di un grande palazzo la zona comune è luminosa, spaziosa e piacevole, e le camerate sono ampie e hanno le finestre (cosa niente affatto scontata nelle grandi città taiwanesi).

Per l’ultima notte a Taipei invece ho voluto viziarmi e ho prenotato un bellissimo hotel design a 4 stelle, il PaPa Whale Hotel. Lo ho scelto perché all’esterno è decorato con un un enorme murales di una balena (e anche perché era molto economico), ma l’interno è ancora più sorprendente, con cemento, metallo e legno grezzo a creare un design industriale contemporaneo. La camera singola era piccolina ma dotata di tutti i comfort (finestra compresa) e decisamente confortevole dopo due settimane di ostelli. Bonus: la colazione a buffet (asiatica) inclusa nel costo della camera era molto varia e abbondante.

hotel taipei

PaPa Whale Hotel

Come spostarsi a Taipei

Spostarsi a Taipei è facilissimo, come del resto in tutta Taiwan. Le indicazioni e le insegne sono sempre scritte anche in inglese, ci sono fermate di autobus ovunque e linee della metro che raggiungono praticamente ogni zona, anche le più periferiche. La soluzione migliore è comprare subito una Easy Card, la carta ricaricabile per pagare (a prezzo scontato) le corse in metropolitana e autobus in tutta Taipei e quasi tutta Taiwan. Costa 100 NTD e si può comprare nelle stazioni della metro e in tutti i Seven-Eleven. Alla fine la carta si può riconsegnare e essere rimborsati del costo di acquisto.

Ci sono anche delle biciclette pubbliche, YouBike: il loro utilizzo è gratuito per chi possiede una scheda sim taiwanese. Quindi se pensi di girare in bici ti consiglio di valutare l’acquisto della sim card locale.

Infine qualche volta ho preso anche il taxi e si è rivelato davvero molto economico: le corse – anche notturne e piuttosto lunghe – mi sono costate al massimo 200 NTD (circa 5 euro).

metro taipei

Sulla metro con la Easy Card

Viaggio a Taipei: cosa vedere

Le cose da vedere a Taipei sono davvero tantissime e quante riuscirai a vederne dipende solo dal tempo a tua disposizione. In questo post troverai quello che sono riuscita a fare e vedere in 5 giorni intensi, ma poi sta a te fare una selezione in base ai tuoi interessi e ai giorni di viaggio.

Chiang Kai-Shek Memorial

Un memoriale dedicato al leader della fazione nazionalista della guerra civile cinese, sconfitto dai comunisti si ritirò a Taiwan e divenne presidente della Repubblica di Cina. È celebrato con un grande monumento simbolico in stile neoclassico cinese. Il tetto azzurro ricorda l’ideogramma che indica l’uomo, e altri dettagli architettonici rimandano alle virtù e ai valori del generale, per esempio gli 89 gradini della scala monumentale, come gli anni di vita di Chiang Kai-Shek. Di fronte si apre un’immensa piazza chiusa sugli altri lati dal teatro nazionale, dall’auditorium e da un grande arco trionfale (in stile cinese ovviamente), tutto intorno il verde di un parco pubblico. Dentro c’è una enorme statua del caro leader e si svolge il rito del cambio della guardia (ogni ora tra le 10.00 e le 16.00), che sono riuscita a vedere a stento oltre un muro di persone.

viaggio a taipei

Il memoriale a Chiang Kai-Shek attraverso l’arco trionfale

National Palace Museum

Il museo più ricco e grande del mondo per quanto riguarda l’arte cinese, c’è veramente di tutto: 2000 anni di porcellane, dipinti, calligrafia, lacche, oggetti sacri e ogni altra produzione artistica della Cina antica. Tutto questo patrimonio è stato accumulato nei secoli dagli imperatori cinesi nella Città Proibita di Pechino, e poi se lo sono portato a Taiwan i nazionalisti, alla fine della guerra civile contro il partito comunista. La Cina continentale lo reclama e lo rivorrebbe indietro, Taiwan lo restituirà solo se la Cina ne riconoscerà l’indipendenza. Beh, staremo a vedere. Ammetto che da sola ne avrei capito ben poco, per fortuna ci sono dei tour in inglese gratuiti al mattino e al pomeriggio (inglese basic, ma ognuno fa che si può. Loro per spiegarsi, io per capire).

Dihua Street

Dihua Street è lunga e stretta strada nel quartiere di Dadaocheng, una via storica di Taipei dove si respira ancora l’atmosfera di qualche decennio fa. È sempre animata ed è un piacere passeggiare sotto i portici e curiosare tra le bancarelle dei negozi che vi si affacciano. Molti vendono stoffa e tanti altri sono specializzati in lanterne e addobbi per il capodanno cinese, due tipi di prodotti per cui Dihua Street è famosa. Ma si trovano anche negozi che vendono tè, spezie, dolciumi, incensi e rimedi tradizionali di medicina cinese. L’architettura degli edifici è tra le più varie che si possano immaginare: edifici tradizionali taiwanesi e piccoli templi sorgono accanto a palazzine in mattoni in stile europeo e abitazioni con decorazioni moderniste o addirittura barocche, grazie alla presenza nel passato di numerosi mercanti di tè occidentali.cosa vedere a taipei

Taipei 101

Il Taipei 101 è uno dei grattacieli più famosi, fino a qualche anno fa era il più alto del mondo, con i suoi 508 metri e 101 piani. Ma poi è stato superato e oggi è il quarto in classifica. Se sei appassionato di vedute panoramiche puoi salire fino all’osservatorio al 91esimo piano per godere della vista della città ai tuoi piedi e provare il brivido dell’ascensore più veloce del mondo. Oppure puoi andare nei sotterranei a vedere il gigantesco contrappeso che bilancia i movimenti dell’edificio. Alla base del grattacielo c’è un enorme centro commerciale pieno di negozi di lusso, grandi marchi, caffè e ristoranti. Ma quasi tutti vengono al mall del Taipei 101 (me compresa) per un ristorante in particolare, che si merita un paragrafo tutto per sé:

Din Tai Fung: un’esperienza gastronomica

Din Tai Fung è un ristorante taiwanese specializzato in shao long bao, i buonissimi ravioli ripieni di brodo per cui impazzisco. Negli anni ha aperto numerosi ristoranti in tutta l’Asia e quello di Hong Kong si è guadagnato una stella Michelin, ma la qualità del cibo e del servizio è la stessa in ogni ristorante. A Taipei ce ne sono 6 e sono sempre strapieni di gente, tanto che i tempi di attesa si aggirano intorno a un’ora o due. Il più famoso è sicuramente quello alla base del Taipei 101, che è anche il più grande, quindi ha tempi di attesa più brevi. Comunque al momento dell’arrivo viene dato un numero e un tempo di attesa, in modo da poter andare a fare un giro nel centro commerciale e tornare poco prima del proprio turno. Pranzare da Din Tai Fung è stata una vera esperienza gastronomica, e credo che sia l’unica occasione di mangiare un pasto da stella Michelin a meno di 20 euro a testa.

Din Tai Fung experience

Ho preso due tipi diversi di shao long bao e un piatto di noodles piccanti alla pasta di sesamo. Era tutto squisito, i ravioli esplodono in bocca con tutto il loro brodo gustoso e la loro pasta esterna, sottile e delicata. Per gustarli secondo le regole il cameriere fornisce anche un foglio con le istruzioni. Il servizio è veloce, attentissimo e impeccabile, i camerieri hanno uniformi, trucco, pettinature e sorrisi degne degli assistenti di volo di una compagnia aerea di lusso, e sono dotati di petulanza e ansia da prestazione pari solo a quelle delle cameriere americane. Durante il pasto viene servito tè verde a volontà ed è incluso nel coperto. Costo totale dell’operazione Din Tai Fung: 12 euro e 50 minuti di attesa.

A proposito… A Taiwan ho mangiato un sacco e benissimo! Scopri cosa mangiare a Taiwan.

Elephant Mountain

Per avere un panorama da paura che includa il Taipei 101 (e tutti gli altri grattacieli dello skyline) devi salire su Elephant Mountain, una grossa collina che si erge appena ai limiti della città e che costituisce una delle cose da fare a Taipei preferite dai viaggiatori. Sulla montagna ci sono diversi punti panoramici situati a diverse altezze, per raggiungerli bisogna salire una lunga scalinata immersa nel verde, seguendo il flusso delle tante persone che salgono e scendono. Non bisogna essere grandi atleti per raggiungere la cima, ma richiede comunque una buona forma fisica e un po’ di pazienza, calcola almeno una mezz’ora buona per completare la salita. Se vuoi evitare la folla di visitatori ti consiglio di andare a Elephant Mountain la mattina presto, o ancora meglio a fine pomeriggio, per godersi anche un bel tramonto (meteo permettendo).

taipei cosa vedere

Elephant Mountain con la vista del Taipei 101

Templi di ogni tipo

Ce ne sono tantissimi, alcuni sono famosi, monumentali o storici, moltissimi altri sono piccoli templi di quartiere, incastrati tra altissimi e moderni edifici. Uno da non perdere è sicuramente il Longshan Temple, uno dei templi buddhisti più grandi e frequentati dai taiwanesi. È un’esplosione artistica di lacche, lanterne, superfici scolpite e statue colorate; nel giardino c’è persino una cascata con dei cerbiatti di cartapesta e delle piccole strutture addobbate sotto a cui le persone passano per vedere realizzati i propri desideri. All’interno la divinità principale è Guanyan, il dio della pietà, ma tantissime altre divinità vengono venerate nelle stanze secondarie. Ovunque ci sono incensi che fumano, persone che pregano e offerte di cibo ovunque: magnifici mazzi di fiori, frutta fresca e qualsiasi cosa commestibile, comprese merendine e sacchetti di patatine.

Un altro bellissimo tempio è quello di Bao’an, famoso per la qualità delle sue decorazioni. È un tempio taoista, ma a Taiwan capita spesso che le religioni buddhista e taoista convivano talmente serenamente da condividere gli stessi templi. A pochi passi di distanza c’è anche il Confucius Temple, il principale luogo di culto del confucianesimo a Taipei, dalle decorazioni più sobrie e con molti pannelli informativi in inglese e dei filmati per poter approfondire la figura e gli insegnamenti di Confucio.

taipei cosa fare

Tempio di Longshan

Bopiliao

Più che un quartiere storico Bopiliao è un pugno di strade dove gli edifici storici dei primissimi anni dell’800 sono stati conservati e restaurati. È una delle parti più antiche della città e oggi le antiche abitazioni sono utilizzate come laboratori e atelier di artisti emergenti. Indubbiamente ha un valore storico ma a Bopiliao manca la vivacità e la squillante varietà di Dihua Street. Essendo molto vicina al Tempio di Longhsan e portando via pochi minuti, vale comunque la pena di farci un giro a piedi (tra le due attrazioni c’è un mercato notturno che potrebbe distrarti lungo il percorso).

Huashan 1914 Creative Park

Un’area industriale occupata da uno stabilimento vinicolo fin dagli inizi del ‘900, che è stata abbandonata negli anni ’90 e infine recuperata una decina di anni dopo, e trasformata in un grande centro culturale dove artisti, designer, artigiani organizzazioni no-profit possono esporre le proprie opere e sviluppare progetti. Questo si traduce in un concentrato di arte contemporanea pubblica, recupero architettonico, gallerie d’arte, mostre temporanee, librerie e negozi molto particolari (incentrati su design, moda e artigianato), compresi molti pop-up stores. Un posto perfetto dove passeggiare, fotografare dettagli curiosi e lasciarsi tentare dallo shopping di qualità.

Songshan Cultural and Creative Park

Un’altra area industriale, una ex fabbrica di tabacco, riconvertita in un grande parco urbano con laghetti, palme altissime e prati pieni di sculture. E poi tanti negozi di design, caffetterie, pop up stores creativi e gallerie d’arte contemporanea. Il centro creativo di huashan mi è piaciuto di più, ma questo di Songshan si trova vicino al Taipei 101 e a Elephant Mountain, quindi può essere comunque aggiunto alle visite di queste altre attrazioni senza perdere troppo tempo.

taipei cultural park

Songshan Cultural Park

Mercati notturni: l’apoteosi dello street food

I mercati notturni sono una delle cose che mi sono piaciute di più di Taiwan! Ci ho mangiato praticamente ogni sera, sono l’apoteosi dello street food e c’è veramente di tutto. Ce ne sono in ogni città, a Taiwan ce ne sono tanti sparsi in varie zone della città e alcuni non sono neanche segnalati e riconosciuti ufficialmente come mercati, semplicemente la ti ritrovi una certa concentrazione di carrettini e venditori di cibo in una strada, e il mercato notturno eccolo lì.

Le cose da assaggiare sono troppe per essere elencate, per ora ti basti sapere che non puoi lasciare la città senza aver provato una omelette di ostriche, una zuppa di manzo e spaghetti (beef noodles soup) e un bubble tea, che è stato inventato proprio a Taiwan.

A Taipei ho provato questi night markets:

  • Ningxia night market – molto centrale, nel quartiere di Dadaocheng, non molto grande ma con un’ottima varietà di cibi, è uno dei più turistici ma a me è piaciuto comunque molto.
  • Shilin night market – a detta dei miei amici locali è il migliore mercato notturno di Taipei. È enorme e affollato, la varietà di cibi è talmente vasta che a un certo punto sono andata in crisi per la troppa scelta e non sapevo più cosa mangiare.
  • Ximending night market – si sviluppa nelle stradine secondarie della zona pedonale di Ximending, la zona dello shopping in stile giapponese e coreano. Soprattutto nel weekend è strapieno di gente e alcuni chioschi hanno lunghe code di persone in attesa.
  • Rahoe night market – è il più antico della città ed è famoso perché qui si possono trovare i cibi più strani ed esotici come la carne di serpente. Forse è quello che mi è piaciuto meno degli altri. E no, non ho assaggiato il serpente.

taipei cosa vedere

Shopping per tutti i gusti

Taipei è una specie di paradiso dello shopping. Almeno per me lo è, mi sono dovuta trattenere perché non avrei potuto riportare granché a casa con il mio zaino bagaglio a mano, ma avrei comprato tutto.

Ho fatto un giro nel quartiere dello shopping di Ximending, pieno di grandi mall e negozi di marchi famosi, ma sono rimasta un po’ delusa, molti grandi brand globali e poche cose autentiche o particolari (beh qualcuna sì, ma si trovano facilmente anche altrove). Ho compensato la delusione mangiando un sacco al mercato notturno locale. A meno che tu non sia un adolescente asiatico non c’è molto di realmente interessante a Ximending (a parte gli adolescenti asiatici e il mercato notturno), ma in città si può comunque fare shopping figo un po’ ovunque, basta tenere gli occhi aperti. Dalle botteghe tradizionali di Dihua Street alle case da tè per ogni tasca, dai negozi di designer emergenti fino alle librerie Eslite, una catena taiwanese che oltre a un sacco di libri – ahimè in cinese, ma anche qualcosa in inglese – ha anche sezioni di cartoleria, oggettistica, accessori e molti pop up stores, diversi in ogni libreria.

Febbre da shopping a Ximending

Spero di esserti stata utile per organizzare il tuo viaggio a Taiwan e decidere cosa vedere a Taipei, o almeno di averti incuriosito abbastanza da desiderare di andarci! Se hai domande specifiche lasciami un commento o scrivimi un’email e cercherò di aiutarti se posso.

 


Per approfondire e pianificare il viaggio ti consiglio:

 

lonely planet taipeiguide di viaggio taiwanlonely planet taiwan guide di viaggio taiwan

 

 

 

 

 

 

 

cosa vedere a Taipei

Ti è piaciuto questo post? Condividilo su Pinterest!


Condividi il viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.