Come muoversi a Bangkok: mezzi pubblici, tuk tuk e battelli

Condividi il viaggio!

Bangkok è una città immensa, trafficata e complessa. I mezzi di trasporto non mancano, ma gli spostamenti possono essere impegnativi. Troppe opzioni, tanti guidatori di tuk tuk che ti abbordano, il caldo afoso e le distanze che sembrano brevi solo sulla mappa… Sono fattori che all’inizio mi hanno confusa. Per fortuna ho avuto i consigli di una amica del posto che mi ha aiutata a capire come muoversi a Bangkok ottimizzando il tempo e spendendo il meno possibile.

In questo post trovi i suoi consigli e la mia esperienza in viaggio, condensati in una guida pratica ai trasporti pubblici di Bangkok.

Come andare dall’aeroporto al centro (e viceversa)

Il modo più semplice, veloce e economico per andare dall’aeroporto Suvarnabhumi al centro di Bangkok è l’Airport Rail Link, una linea ferroviaria sopraelevata che percorre il tragitto in 30 minuti. Compie 6 fermate lungo il percorso, e raggiunge stazioni di interscambio che la connettono agli altri trasporti pubblici (Skytrain e metro MRT). Il biglietto (o meglio il gettone) costa 45 baht. L’Airport Air Link è in funzione con orario 06-24.00.

come muoversi a bangkok

Metro – MRT

La metropolitana di Bangkok ha attualmente due linee, la blu e la viola (ma altre sono in costruzione), con treni ogni 10 minuti al massimo (ogni 5 minuti nell’ora di punta).

È molto efficiente e economica, il biglietto consiste in un gettone e il costo va in base alla tratta percorsa: al momento dell’acquisto (alle macchinette automatiche o allo sportello) si indica la stazione di arrivo e in base a quella viene calcolata la tariffa.

BTS Skytrain

Lo Skytrain è un sistema di treni urbani sopraelevati e veloci, in tutto e per tutto simili a quelli della Metro: il funzionamento con i gettoni e il prezzo in base alla tratta è lo stesso, e i due mezzi di trasporto sono integrati e interconnessi tra loro.

Esistono delle smart card ricaricabili e più convenienti dei singoli biglietti, ma sono diverse per ognuno dei sistemi di trasporto (Rabbit card per il BTS Skytrain e Mangmoom Card per la MRT).

Sia sulla Metro che sullo Skytrain i treni sono puliti, con aria condizionata estrema – secondo la migliore tradizione dell’Asia tropicale – e per salirvi ci si mette in coda in modo ordinato.

skytrain sopra alle strade trafficate di bangkok

Tuk tuk e mototaxi

Questi veicoli hanno il vantaggio di essere piccoli e maneggevoli (cioè spericolati), e nel traffico dell’ora di punta di Bangkok sono praticamente gli unici mezzi a non andare a passo d’uomo. I tuk tuk generalmente percorrono brevi distanze di qualche km al massimo, mentre i mototaxi possono arrivare più lontano, ma ovviamente hanno una capacità limitata a un solo passeggero e nessun grosso bagaglio.

Uno dei consigli che mi sono stati dati più spesso su come spostarsi a Bangkok è di fare attenzione alle fregature che spesso si nascondono dietro alle offerte dei guidatori di tuk tuk e moto-taxi: non avendo un tassametro spesso gonfiano i prezzi per i turisti con diverse tecniche. Alcune che ho sperimentato erano piuttosto ingegnose, ad esempio quella per cui il guidatore ti propone un prezzo molto alto, che però può essere dimezzato se accetti di vedere e possibilmente comprare i prodotti (scadenti) del suo sponsor. Oppure quella per cui un generoso thailandese si offre di spiegarti tutto del tempio che stai visitando, per poi suggerirti di visitare qualcos’altro, che però necessita di un passaggio col tuk tuk di suo cugino.

Per evitare fregature ti consiglio di informarti sui prezzi medi delle corse più comuni in tuk tuk e mototaxi (magari con il personale dell’hotel o dell’ostello dove stai) e di concordare il prezzo con il guidatore prima di accettare il passaggio.

a bordo di un tuk tuk a bangkok
A bordo di un tuk tuk

Come muoversi a Bangkok: i Taxi

Spesso mi hanno anche consigliato di evitare i taxi a Bangkok perché sono cari e lenti nel traffico. Questo non è sempre vero, ovviamente lo è nell’ora di punta, ma in orari meno trafficati i taxi possono essere veloci e anche economici, basta che usino il tassametro.

Perciò prima di prendere un taxi chiedi se userà il tassametro e specifica dove vuoi andare: il tassista deciderà se la corsa è abbastanza conveniente non soltanto in termini di soldi, ma anche in termini di tempo impiegato in base al traffico. E magari ti proporrà in alternativa di portarti abbastanza vicino alla tua destinazione oppure a metà strada (da dove poi potrai prendere una metro o un altro taxi).

Come muoversi a Bangkok con Grab e i servizi tipo Uber

Per evitare prezzi gonfiati, conoscere in anticipo il prezzo dello spostamento e per prenotare un passaggio con un po’ di anticipo (magari la sera prima per la mattina presto) c’è Grab, un servizio in tutto e per tutto simile a Uber, ma molto più popolare in Asia. Si scarica la app gratuita ed è molto semplice da usare.

Ho utilizzato Grab anche nella versione GrabBike, per prenotare passaggi in moto invece che in auto, ed è sempre stata una soluzione molto economica.

spostarsi in mototaxi a bangkok
GrabBike per le strade di Bangkok

Traghetti e battelli

Il fiume che serpeggia attraverso la città e i suoi canali sono ancora oggi una importante via di comunicazione e un modo molto affascinante per muoversi a Bangkok, con il bonus di poter ammirare la città dall’acqua. Ci sono due sistemi distinti di trasporti sull’acqua: quello sul fiume principale e quello relativo ai suoi canali.

Lungo il Chao Phraya River

Oltre 30 moli si affacciano sul fiume Chao Phraya, presso i quali attraccano centinaia traghetti e battelli fluviali ogni giorno. Il fiume tocca molte delle attrazioni più importanti di Bangkok, come il Palazzo Reale e i templi Wat Arun e Wat Po, e la compagnia Chao Phraya Express Boat Company fornisce 5 linee diverse di battelli:

  • bandiera blu – linea turistica
  • bandiera arancio
  • bandiera gialla – linea veloce per pendolari
  • bandiera verde – linea veloce per pendolari
  • senza bandiera – linea locale

Le linee per pendolari fermano soltanto ad alcuni moli e sono poco utili per i viaggiatori. In tutti i casi si può comprare il biglietto sia al molo che a bordo, e il costo va dai 10-20 baht delle linee locali ai 40 bath per la linea turistica, per la quale è disponibile anche un pass giornaliero al costo di 100 baht.

Per attraversare il fiume da una parte all’altra ci sono dei traghetti che fanno la spola in determinati punti e che costano 3 baht a tratta.

Battelli e traghetti sono in funzione dalle 5 alle 17, e l’ultimo della giornata ha la bandiera nera.

vista dello skyline della città da un battello lungo il fiume

Lungo i canali

I Khlong, gli stretti canali sui quali si affacciano case, negozi e i famosi mercati galleggianti di Bangkok come il Damnoem Saduak o quello di Amphawa, sono percorsi da decine di battelli che fungono da mezzi pubblici tanto veloci quanto rumorosi.

Queste barche per il trasporto pubblico hanno il vantaggio di non avere altro traffico con cui competere, sono economici e offrono un interessante punto di vista sulla vita quotidiana degli abitanti, che scorre lungo le sponde dei canali in mille dettagli.

Il funzionamento è lo stesso che per i battelli che operano lungo il fiume, solo che sono gestiti da una compagnia diversa. Si paga il biglietto a bordo oppure al molo, mentre si aspetta di saltare letteralmente a bordo appena la barca si accosta.

Spero di esserti stata utile, se hai altri consigli da aggiungere ai miei su come muoversi a Bangkok fammelo sapere con un commento, sarà utile anche agli altri lettori!


Forse può interessarti anche: cosa non fare in Thailandia

Per organizzare il tuo viaggio in Thailandia ti consiglio:

mezzi pubblici e trasporti
Ti è piaciuto questo post? Condividilo su Pinterest!

Condividi il viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.