Itinerario nei paesi baschi on the road

Condividi il viaggio!

I Paesi Baschi sono uno dei miei posti preferiti al mondo. Sono stati la meta del mio primo viaggio on the road, mi sono piaciuti così tanto che dopo quella prima volta ci sono tornata ancora. Mi sono piaciuti i paesaggi con la loro natura selvaggia, la cultura basca, antica e ancora forte e presente, e mi è piaciuto il cibo, una delle cucine migliori di tutta la Spagna. Qui ti propongo il mio itinerario nei Paesi Baschi on the road, che ho fatto personalmente qualche anno fa, da San Sebastian a Bilbao.

Itinerario nei Paesi Baschi on the road

Questo itinerario è pensato per essere percorso in auto: se ti serve una macchina a noleggio per il viaggio ti consiglio di utilizzare Rentalcars per trovare la compagnia con il prezzo migliore, scegliendo tra le più affidabili a livello internazionale.

È un tour che può essere fatto in 7 giorni, ma se hai più tempo a disposizione meglio, avrai più tempo per fermarti in ogni tappa, specialmente nelle due città principali. Le distanze sono molto brevi, in tutto l’itinerario è lungo 130 km, ma dividendolo in cinque tappe, ogni spostamento non richiederà più di un’ora.

itinerario paesi baschi
Tramonto a Getaria

Itinerario nei Paesi Baschi – la logistica

Lasciando San Sebastian e guidando verso ovest si percorre la bellissima costa del golfo di Biscaglia, fatta di scogliere a picco sull’oceano e lunghe spiagge battute dal vento. Il vento non manca praticamente mai, gonfia le onde e rende queste spiagge ideali per fare surf. Lungo la costa si incontrano una serie di borghi marinari, antichi villaggi di pescatori baschi dall’atmosfera autentica e tranquilla, che secondo me costituiscono il vero motivo per fare questo itinerario nei Paesi Baschi on the road: Zarautz, Getaria, Zumaia, Mutriku, Ondarroa e Lekeitio.

Questi borghi sono tutti talmente vicini tra loro che puoi pensare di utilizzare solo uno di questi come base dove avere l’hotel e visitare gli altri nell’arco di due giorni, oppure passare due notti in due borghi diversi a tua scelta. Per le restanti notti puoi pernottare a San Sebastian e Bilbao, che hanno abbondante scelta di strutture per ogni budget.

Puoi scegliere la struttura dove soggiornare in base alla posizione utilizzando la mappa di Booking.com.

Booking.com

Prima tappa – San Sebastian

Ti consiglio di iniziare il tuo viaggio da qui, e di trascorrere due giorni in questa bella e vivace cittadina (ma se hai più di una settimana a disposizione puoi dedicarle anche tre giorni). Visto che la città si può girare facilmente a piedi o con i pezzi pubblici, non c’è bisogno di noleggiare la macchina per i primi giorni passati qui, ma la puoi noleggiare il giorno in cui ti metterai in marcia per la tappa seguente. A San Sebastian goditi la lunghissima spiaggia de La Concha, il suo centro storico e la gastronomia per cui è molto famosa: pare che qui si mangino le migliori tapas di tutta la Spagna. Per sapere in dettaglio cosa fare scopri i 5 buoni motivi per visitare San Sebastian.

san sebastian spiaggia la concha
La Concha in piena estate è follia!

Seconda tappa – i borghi di Zarautz, Getaria e Zumaia

Ho diviso questi sei borghi in due tappe per comodità, visto che l’idea è quella di visitarli tutti i due giorni complessivi, ma essendo molto vicini tra loro l’ordine e le tempistiche possono essere flessibili.

Il primo borgo costiero che si incontra è Zarautz, famoso soprattutto tra i surfisti per la sua spiaggia, ma il borgo è piuttosto recente e non particolarmente speciale.

Il paese successivo, Getaria, è invece un piccolo gioiello di architettura medievale costruito alle spalle di un promontorio-isoletta, El Raton, che separa due ampie spiagge.

Pochi km dopo c’è Zumaia, che è poco più di una località balneare stagionale, ma che merita di fermarsi per qualche ora per passeggiare sulla sua splendida spiaggia, incorniciata da formazioni rocciose uniche, i flysch, rocce arenarie solcate da sottili linee parallele che sembrano graffiati con un rastrello.

zumaia spiaggia scogliera
Le caratteristiche rocce sulla spiaggia di Zumaia

Terza tappa – Mutriku, Ondarroa e Lekeitio

Mutriku è forse il mio borgo preferito di questa zona. Un villaggio marinaro di origine medievale con un bel centro storico dalle vie lastricate in pietra affiancate dalle tradizionali basche, con il basamento in pietra e la parte superiore a traliccio, e un piccolo porto molto caratteristico incastrato in una insenatura della costa.

Il paese successivo è Ondarroa, anche questo con il suo centro storico medievale e il piccolo porto. Un tempo l’attività principale oltre alla pesca era la conservazione del pesce, e ancora oggi le tradizioni culinarie basche sono vive come non mai: qui ho mangiato uno dei pranzi a base di pesce più buoni di tutto il viaggio.

Il borgo di Lekeitio è meno caratteristico dei primi due, ma ha comunque il suo fascino. Di fronte al porto sorge un‘isola che si può raggiungere a piedi con la bassa marea. Manco a dirlo, due lunghissime e ventose spiagge si stendono ai due lati del borgo.

mutriku porto e villaggio

Quarta tappa – Guernica e l’Urdaibai

La cittadina di Guernica fu totalmente distrutta durante la Guerra Civile Spagnola, ma è stata ricostruita, e oggi costituisce una tappa molto interessante di questo tour dei Paesi Baschi. Prima di tutto perché è un luogo chiave dell’identità basca, dove scoprire di più su questo popolo visitando luoghi come il Museo di Euskalerria.

E poi perché è la base ideale per scoprire la Riserva dell’Urdaibai, un’area naturale protetta che circonda l’estuario dell’omonimo fiume, dichiarata dall’UNESCO Riserva della Biosfera per la sua incredibile ricchezza di piante e animali. Oltre all’interesse naturalistico l’Urdaibai è anche un importante sito archeologico dove si può visitare la grotta di Santimamiñe, che conserva pitture rupestri preistoriche antichissime e uniche.

Quinta tappa – Bilbao

Infine si arriva a Bilbao, per trascorrere gli ultimi due giorni in una città contemporanea, vivace e ricca di arte e architettura, che ha saputo andare oltre al suo passato di città industriale e portuale, trasformandosi in un polo culturale e artistico della Spagna. Per scoprire tutto quello che ha da offrire oltre al Museo Guggenheim, leggi il mio post su cosa vedere a Bilbao.

Appena arrivato puoi riconsegnare subito la macchina all’autonoleggio, perché anche in questo caso non ti servirà per visitare Bilbao, che ha una metropolitana capillare e efficiente che raggiunge persino i paesi della provincia lungo la costa come Sopelana.

bilbao paesi baschi

Spero di averti dato una mano e qualche spunto utile per organizzare il tuo viaggio on the road. Se ci sei stato e hai altri consigli utili su un itinerario nei Paesi Baschi, lasciami un commento e condividi la tua esperienza con altri viaggiatori!

Per organizzare il tuo viaggio ti consiglio:

paesi baschi itinerario on the road
Ti è piaciuto questo post? Condividilo su Pinterest!

Condividi il viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.