Cosa vedere a Praga. Guida completa per visitare la città

Condividi il viaggio!

Praga è stata uno dei miei primi colpi di fulmine in viaggio. Una città che mostra orgogliosa la sua storia, che ha una forte identità locale ma che sa essere allo stesso tempo un crocevia di popoli e culture. Ci sono stata diverse volte e a ogni viaggio torno a casa con la sensazione che ci sono ancora tante cose che voglio fare, vedere, assaggiare, godere. Praga è una di quelle città, come Roma o Parigi, per le quali non basta una vita per conoscerle tutte. Dunque ecco qui una guida completa su cosa vedere a Praga, piena di consigli pratici e approfondimenti che possono esserti utili per organizzare il viaggio.

Se cerchi anche un alloggio ti consiglio di leggere il mio post su dove dormire a Praga, una guida agli hotel quartiere per quartiere.

cosa vedere a praga

Come spostarsi a Praga

Ti accorgerai presto che il centro storico di Praga non è grandissimo e può essere esplorato a piedi per la maggior parte del tempo. Ma ci sono comunque efficienti mezzi pubblici che raggiungono praticamente ogni parte della città, compresi i quartieri periferici (dove naturalmente pernottare costa meno): metropolitana, autobus e tram possono essere presi tutti con lo stesso biglietto. Sono disponibili abbonamenti turistici da uno o più giorni.

L’aeroporto è collegato al centro della città tramite i normali bus di linea e con l’autobus shuttle Airport Express, un po’ più caro ma più veloce e diretto.

trasporti come spostarsi

Cosa vedere a Praga. Guida completa per visitare la città

Il centro di Praga è diviso in quartieri e ognuno ha la sua atmosfera, personalità e stile; spostarsi da uno all’altro è come fare un viaggio attraverso epoche e culture diverse. Ti consiglio di iniziare da quello più antico, ovvero Staré Město.

Cosa fare a Staré Město

Letteralmente significa città vecchia, ed è il cuore della città. Un labirinto di vicoli affiancati da edifici medievali, case dalle facciate colorate e torri di pietra, dove è un piacere perdersi in passeggiate senza mappa, per poi finire sempre nella splendida Piazza della Città Vecchia. Staré Město è uno dei quartieri più romantici del mondo, quando cala la sera e si accendono le sue mille luci, e non mi stancherei mai di guardarlo dall’alto di una delle sue torri.

Qui si concentrano alcuni dei monumenti più importanti di Praga, e un intero giorno da dedicare al quartiere potrebbe non bastare se hai intenzione di visitare all’interno molti di questi luoghi. Ecco quelli da non perdere secondo me:

cosa fare a praga

Municipio e Orologio Astronomico di Praga

Un capolavoro di arte, architettura e artigianato, che continua a stupire i visitatori da secoli con i suoi affascinanti meccanismi e automazioni. L’orologio astronomico si trova sulla torre del Municipio della Città Vecchia e fu costruito agli inizi del 1400, ma nei secoli è stato arricchito di quadranti, figure in movimento e simboli. Complessivamente indica l’ora normale e quella tradizionale boema, il tempo astronomico, il segno zodiacale, la posizione del sole e quella della luna. I quadranti sono circondati da un apparato scultoreo gotico che comprende quattro figurine meccaniche, affascinanti sia per la minuzia dei dettagli che per il complesso significato allegorico: uno scheletro che rappresenta la morte, un turco che simboleggia la lussuria, un mercante con la borsa (avarizia) ed un personaggio con lo specchio che rappresenta la vanità. Allo scoccare di ogni ora (tutti i giorni dalle 9 alle 23) l’orologio si anima mettendo in scena una complessa e delicata danza, uno spettacolo meccanico che dura solo pochi minuti.

All’interno del Municipio c’è un ufficio informazioni turistiche e si possono visitare alcune sale di rappresentanza. Ma soprattutto si può salire in cima alla torre dell’orologio e ammirare la piazza della Città Vecchia dall’alto, una delle viste più belle di Praga dall’alto.

orologio astronomico municipio praga

Ponte Carlo

Sempre affollatissimo, pieno di bancarelle, musicisti e artisti di strada: il Ponte Carlo è decisamente turistico ma è uno dei ponti più belli e caratteristici d’Europa. Un ponte di pietra medievale, con massicce torri di pietra alle due estremità, che collega la Città Vecchia al quartiere di Malá Strana scavalcando la Moldava. In epoca barocca venne poi decorato con 30 statue di santi, tra cui quella di San Giovanni Nepomuceno, toccata da tutti come portafortuna. Il santo patrono della Boemia fu gettato dal ponte dal Re Venceslao IV proprio nel punto in cui sorge la sua statua, dopo che gli venne tagliata la lingua.

ponte carlo

Porta delle Polveri

Una delle vecchie porte della città medievale, fu costruita nella seconda metà del 1400, distrutta un secolo dopo da un incendio e ricostruita. Da fuori si possono ammirare le ricche decorazioni gotiche e le decine di statue che vanno dai Re di Boemia ai personaggi del Vangelo. Al suo interno invece c’è un piccolo museo dedicato alle torri di Praga e si può raggiungere la cima per un’altra magnifica vista della città; l’ingresso è a pagamento.

Hradčany e il Castello di Praga

Il Castello di Praga è così grande che costituisce un quartiere a sé, quello di Hradčany. È un complesso enorme, ricco di monumenti e cose da vedere al suo interno, che richiede almeno una mezza giornata per la visita, se non addirittura un giorno intero. Sicuramente da non perdere è la Cattedrale di San Vito, magnifico esempio di architettura gotica completata solo in tempi recenti, dove si può ammirare anche una bellissima vetrata colorata realizzata da Alfons Mucha in stile Art Nouveau. E poi il Vicolo d’Oro, una stradina di casette colorate che sembra uscita da un libro illustrato; in una di queste visse un giovanissimo Franz Kafka.

Il Castello è così ricco e complesso che gli ho dedicato un post a parte, una guida al Castello di Praga che può esserti utile per organizzare al meglio la tua visita, quindi ti rimando a quello per approfondire tutti i dettagli.

castello di praga

Cosa vedere a Praga: il Josefov, il quartiere ebraico

Una città dentro alla città, plasmata dalle tradizioni del popolo ebraico e dalle culture di altri paesi che si sono spesso portati con sé. Tra facciate decorate, vecchi negozi e mercatini di antiquariato, sorgono i monumenti più importanti del Josefov, prime tra tutti le sinagoghe. A partire dalla Sinagoga Vecchia Nuova, che è la più antica non soltanto di Praga ma di tutta Europa, costruita nel 1200 in stile gotico fiammeggiante. E poi quella spagnola, costruita in un delicato stile moresco, la Sinagoga Maisel, che ospita al suo interno un piccolo museo di oggetti sacri, e la Sinagoga Pinkas, oggi sede di un memoriale agli ebrei vittime del nazismo: le stanze interne sono vuote, i muri completamente ricoperti dai nomi delle 77.000 vittime, ognuna con data di nascita e di morte.

Il Josefov è anche il quartiere di Franz Kafka, uno dei cittadini di Praga più famosi al mondo: oltre ad un piccolo museo a lui dedicato, da qualche anno nel quartiere c’è anche una statua contemporanea che, ruotando a intervalli regolari, smonta e rimonta la faccia dello scrittore di fronte alla Sinagoga Spagnola.

Ma il luogo più bello del Josefov è per me l’antico Cimitero Ebraico, un cimitero molto speciale per me perché è uno dei primi che ho visitato in viaggio (e ci ho preso gusto come puoi vedere nella rubrica Cemetery Safari). Uno dei cimiteri più visitati al mondo, di indiscussa bellezza e con una lunga e affascinante storia alle spalle. Per saperne di più ti consiglio di leggere il post che ho dedicato al Cimitero Ebraico di Praga, proprio nella mia rubrica cimiteriale.

antico cimitero ebraico praga

Malá Strana

Forse il quartiere di Praga che preferisco, con le sue architetture barocche, le chiese traboccanti di arte e l’atmosfera bohemien. Malá Strana è un mondo a parte, e tempo fa gli ho dedicato un articolo specifico, nel quale ti propongo un itinerario a Malá Strana a piedi, alla scoperta della Praga barocca: lì trovi tutte le informazioni su questo quartiere.

Il Muro di Lennon

A Malá Strana si trova anche un’altra famosissima attrazione di Praga, il Muro di Lennon, un’opera di street art collettiva nata spontaneamente negli anni ’80 dalla creatività della gioventù ceca, che dopo la morte di John Lennon cominciò a lasciare testimonianze di affetto, frasi delle canzoni sue e dei Beatles, graffiti, disegni e messaggi di pace e libertà. In breve tempo il muro diventò un punto di ritrovo e di scambio di idee per tutti i giovani pacifisti, osteggiati dal regime comunista, e anche oggi rimane un simbolo di libertà e di fratellanza tra i popoli: ci si può ancora scrivere e lasciare il proprio contributo, che presto verrà cancellato da altre scritte.

Onestamente trovo che il Muro di Lennon, nonostante il suo importante messaggio, sia un po’ sopravvalutato, ma costituisce una deviazione di pochissimi minuti durante una passeggiata per le strade di Malá Strana, che vale sicuramente la pena.

muro di lennon

La casa danzante di Praga

Un piccolo capolavoro di architettura contemporanea progettato dall’onnipresente Frank Gehry, diventato da subito un’icona e un landmark della città. Soprannominata anche Fred e Ginger, la casa danzante si trova nel quartiere di Nové Město, la città nuova, proprio di fronte al fiume. È costituita da un solido edificio in cemento armato, animato da linee curve e dall’andamento ballerino delle finestre, a cui si appoggia con un movimento sinuoso una torre trasparente in acciaio e vetro. In realtà la casa danzante non è una casa ma ospita degli uffici diplomatici olandesi; all’ultimo piano della torre invece c’è un ristorante francese, il Ginger and Fred, e un rooftop bar, il Glass Bar, con vista sulla città.

casa danzante gehry

Musei da visitare a Praga

Una delle ragioni per cui Praga mi piace tanto sono i suoi musei. Dall’arte medievale a quella contemporanea, passando per il barocco e l’art nouveau, c’è tutto quello che un appassionato di arte potrebbe desiderare. Ecco i principali musei di Praga che ti consiglio di non perdere:

Klementinum

Nato nel 1500 come collegio gesuita, il Klementinum è stata per secoli una delle più importanti istituzioni culturali della città, da cui poi ebbe origine l’Università di Praga. Oggi questo immenso complesso di edifici è aperto ai visitatori che possono ammirare le eleganti sale come la Cappella degli Specchi e la splendida biblioteca barocca (dove spicca anche una collezione di mappamondi antichi). Il Klementinum può essere visitato solo partecipando alle visite guidate che vengono offerte ogni mezz’ora in inglese (ma possono essere prenotate in anticipo in altre lingue). Trovi più informazioni sul sito ufficiale.

bibliotca barocca klementinum

Museo Mucha

Un museo dedicato al più famoso e amato artista art nouveau, Alfons Mucha, nonché icona artistica di Praga. Nel museo a lui dedicato sono esposti disegni, stampe, dipinti e molti dei suoi iconici poster, soprattutto opere realizzate quando viveva ancora a Praga, prima di andare a Vienna e Parigi, le altre capitali europee dell’art nouveau. Anche se il nome non ti dice niente, sono sicura che vedendo una delle sue illustrazioni con sinuose e floreali ragazze lo riconoscerai immediatamente.

Museo Kafka

Non poteva mancare un museo dedicato a una delle più importanti personalità di Praga. La vita e le opere dello scrittore Frank Kafka – a partire proprio da La Metamorfosi – vengono ricostruite attraverso corrispondenza privata, prime edizioni, appunti e oggetti personali. Il Museo Kafka è ospitato in una vecchia fabbrica di mattoni nel quartiere di Malá Strana, a pochi passi dal Josefov.

statua di kafka museo

Museo Kampa

Il museo prende il nome dall’omonima isola al centro della Moldava, ma si trova in realtà sulla riva occidentale del fiume, a Malá Strana, all’interno di un bel parco con sculture. Il Kampa Museum è dedicato all’arte moderna e contemporanea ceca e agli artisti locali che hanno risposto con l’arte alla censura e alla chiusura mentale del regime comunista. Le opere degli artisti sono distribuite anche nel parco intorno al museo, dove è un piacere rifugiarsi per qualche minuto in un’oasi di pace nel cuore della città.

I Caffè Storici di Praga

Un caffè accompagnato da un dolce a Praga è un’esperienza che può raggiungere livelli inaspettati, e costituisce un salto nel passato e nella tradizione. La città è piena di caffè storici dove l’architettura, gli arredi e l’atmosfera sono rimasti intatti, dai tempi in cui venivano frequentati dagli intellettuali locali e dai viaggiatori stranieri nel secolo scorso. Ti segnalo solo alcuni dei locali storici più caratteristici, ma ce ne sono decine e non riuscirei mai a provarli e elencarli tutti.

Café Louvre

Il caffè preferito dagli scrittori del secolo scorso: tra i suoi clienti fissi c’era Franz Kafka, ma anche Albert Einstein. Agli inizi del ‘900 diventò anche il cuore del movimento di emancipazione femminile che portò le donne ceche a ottenere il diritto al voto ben prima di quelle italiane. Oggi il Café Louvre mantiene tutta la sua classe e eleganza, ed è un posto perfetto per una colazione o una merenda da ricordare.

café louvre caffè storici praga

Gran Café Orient

Quello che rende questo caffè speciale è il fatto che sia ospitato in uno dei pochi edifici cubisti esistenti (stile che venne sviluppato maggiormente in campo pittorico), ed è quindi l’unico caffè cubista a Praga (ma credo anche nel mondo). Una curiosità interessante per gli appassionati di architettura, con il bonus del caffè e delle torte.

Café Imperial

Per completare i diversi stili architettonici in voga agli inizi del ‘900 a colpi di caffè e fette di torta, consiglio una visita al Café Imperial per ammirare i suoi interni originali con decorazioni in stile art deco e uno splendido mosaico sul soffitto.

Obecni Dum

Questo non è solo un caffè, ma un importante monumento cittadino e un capolavoro di architettura e arti applicate, un trionfo di stile liberty. Obecni Dum significa Casa Municipale, ed è quindi un edificio amministrativo, ma al suo interno ospita alcune mostre, una sala concerti, un ristorante e un caffè. Il caffè è uno dei più belli e eleganti dove abbia mai fatto merenda, ed è un’ottima scusa per ammirare gli interni dell’edificio. È possibile visitare l’edificio anche con visite guidate in inglese e francese.


Penso di aver messo tutto dentro a questa mia guida a cosa vedere a Praga, e spero di esserti stata utile. Se hai altri consigli da aggiungere ai miei lasciami un commento e condividi la tua esperienza con gli altri lettori!

Per organizzare il tuo viaggio ti consiglio:

Ti è piaciuto questo post? Condividilo su Pinterest!

Condividi il viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.