Cosa vedere a Boston. musei, monumenti e quartieri da non perdere

Condividi il viaggio!

cosa vedere a boston

Boston me la sono proprio goduta. Prima di tutto perché ho avuto a disposizione abbastanza tempo per scoprirla, 6 giorni (5 e mezzo per esser precisa). Non sono sufficienti per vedere tutto, ma sono abbastanza per avere una conoscenza della città non superficiale. Di solito due o tre giorni in un posto mi stanno stretti e mi lasciano insoddisfatta, ma questa volta ho avuto tempo per fare (quasi) tutto quello che mi ero prefissata. E poi perché ho viaggiato insieme al mio babbo (non paga dell’esperienza del viaggio in Namibia dell’anno scorso) che significa avere standard più alti dei miei. Un hotel storico a 4 stelle (il bellissimo Copley Square Hotel) invece che ostello, e nessun limite alla mia voglia di mangiare aragoste, ostriche e frutti di mare. Non è stato affatto facile sopportarlo per tutto quel tempo ma almeno ho mangiato e dormito come una regina. Questo post sarà lungo perché ho un sacco di consigli su cosa vedere a Boston. Quindi bando alle ciance, passo subito agli aspetti pratici di questo nuovo viaggio negli Stati Uniti.

boston cosa vedere

Cosa vedere a Boston – i miei consigli

Se stai programmando un viaggio da queste parti fore può interessarti anche:

Freedom Trail

Il Freedom Trail, il percorso della libertà, è un itinerario di circa 4 km che si snoda per il centro di Boston e che tocca tutti i luoghi più importanti per la storia degli Stati Uniti. In particolare tocca i luoghi che furono cruciali per l’indipendenza degli USA dall’Inghilterra, dove hanno vissuto e combattuto in diversi modi patrioti come Paul Rever e Benjamin Franklin.

Comprende edifici storici come la Massachussets State House, case museo, targhe commemorative di eventi e molto altro. Per più informazioni sui luoghi compresi, consulta il sito ufficiale del Freedom Trail.

È un percorso breve che si può fare in mezza giornata, ma è molto ricco dal punto di vista storico: si attraversa il periodo coloniale, gli eventi che hanno portato alla rottura con l’Inghilterra, la Guerra di Indipendenza e la nascita di una nuova nazione, gli Stati Uniti. Questo è uno di quei luoghi dove una visita guidata può davvero fare la differenza, perché da soli è difficile mettere insieme luoghi ed eventi. Io ho fatto il tour guidato gratuito offerto dai ranger del National Park (ci si iscrive il giorno stesso all’infopoint all’interno della Faneuil Hall); è diviso in due parti, relative ai due tratti del percorso. Sono tour molto approfonditi e completi, forse un po’ tecnici dal punto di vista della storia americana. Se preferisci qualcosa di più divertente dai un’occhiata ai tour con guide in costume offerti su Viator.

boston cosa fare

Quincy Market e Faneuil Hall

Due edifici storici dove fare un po’ di shopping. La Faneuil Hall è uno degli edifici più antichi e importanti di Boston, usato sia come mercato che come salone per importanti riunioni. Dopo aver visitato la Hall, il salone al piano superiore, puoi curiosare tra i negozietti del piano terra, che vendono souvernir artigianali e particolari. Io ho comprato la stampa di un famoso disegno di Benjamin Franklin, realizzata con una vecchia pressa del 1700.

Il Quincy Market è un altro storico mercato situato proprio dietro alla Faneuil Hall e dedicato da sempre ai generi alimentari, se una volta vi si vendevano cose semplici come grano, carne e pesce, oggi è una grande food court dove si può assaggiare praticamente qualsiasi cosa, dai lobster rolls alle torte più elaborate.

esterno del quincy market di boston
stamperia d'epoca a boston
La costituzione americana come l’avrebbe stampata Benjamin Franklin

Boston Common

Un grande parco pubblico dove passeggiare intorno al laghetto, mangiare uno snack e fotografare gli immancabili scoiattoli. Molti vanno a cercare le due statue più famose del parco, quella di George Washington e quella delle paperelle, che si intitola “make way for ducklings”, come un famoso libro per bambini americano ambientato proprio nel parco. Io ti consiglio di cercare anche il Monumento all’Etere, un solenne omaggio alla scoperta delle proprietà anestetiche dell’etere e al suo utilizzo in chirurgia, avvenuto per la prima volta al Mass General Hospital nel 1846. Un grande progresso scientifico spesso sottovalutato ma qui degnamente celebrato.

P.s. Per i fan dell’etere, al vicino Mass General hospital si può visitare anche the Ether Dome, il teatro anatomico dove per la prima volta è stato utilizzato l’etere per una anestesia.

monumento al parco boston common

Cosa vedere a Boston: i suoi musei

Non soprende che essendo una delle capitali culturali degli Stati Uniti, Boston sia piena di musei e gallerie d’arte. Il più famoso è sicuramente il Museum of Fine Arts, una delle collezioni d’arte più grandi e importanti d’America, con opere che vanno dall’arte egizia ai capolavori di Degas, Renoir e Van Gogh, passando per Donatello. Un museo enorme, ricco e molto ben organizzato. Ti consiglio di non perderlo se sei appassionato d’arte, ma tieni conto che una visita soddisfacente richiede diverse ore.

Ma ci sono altri due musei che mi sono piaciuti davvero tantissimo e che ci tengo a segnalarti perché non soltanto sono stati sorprendenti, ma le visite guidate hanno realmente dato valore all’esperienza.

Boston Athenaeum

Una biblioteca con una collezione d’arte, o una galleria artistica con una collezione di libri? Poco importa, il Boston Athenaeum è la biblioteca più antica di Boston, con una collezione straordinaria che comprende libri, dipinti, sculture e molto altro. Molti dei suoi capolavori sono andati a costituire il nucleo originario del Museum of Fine Arts.. Fondato nel 1807 come circolo culturale, il Boston Athenaeum vanta tra i suoi membri passati grandi autori come Louisa May Alcott e Nathaniel Hawthorne, diversi presidenti – tra cui John Fitzgerald Kennedy – e altre importanti personalità.

Le visite guidate sono condotte dai bibliotecari dell’istituzione, e sono fondamentali per comprendere il valore e il significato delle splendide sale di lettura e degli oggetti che le riempiono: preziosi volumi antichi, ritratti, documenti… persino gli scaffali e i vecchi archivi hanno una storia da raccontare. La visita dell’Athenaeum ha anche due bonus:

  • la splendida vista che si ammira dal terrazzino all’ultimo piano.
  • Un libro rilegato in pelle umana. Sono le memorie di James Allen, famoso criminale di fine ‘800, che quando fu condannato a morte chiese di rilegare le proprie memorie con la sua stessa pelle. L’elegante edizione limitata è stata poi donata all’unico uomo che oppose resistenza e sopravvisse a una delle sue rapine. È il secondo libro in pelle umana che trovo durante i miei viaggi, il primo è stato in Scozia, te ne parlo nel post dedicato al mio itinerario di sangue a Edimburgo.
sala biblioteca del boston athenaeum
una delle sale lettura dell’Athenaeum

Isabella Steward Gardner Museum

Forse il museo più bello da un punto di vista meramente estetico che mi sia capitato di visitare. Per non parlare del valore delle centinaia e centinaia di opere d’arte preziose, curiose e ricercate. Non ho abbastanza parole per descrivere l’esperienza di una visita nella casa-museo di una donna straordinaria come Isabella Steward Garder. È sicuramente in cima alla mia lista di cosa vedere a Boston.

Isabella era ricca, ha viaggiato per tutto il mondo e ha comprato oggetti bellissimi ovunque, ma soprattutto a Venezia, dove soggiornava regolarmente. E poi ha realizzato il suo sogno, costruire una casa magnifica dove le persone venissero ad ammirare i suoi fiori e le sue opere d’arte come in un museo. La casa stessa è un mosaico di elementi architettonici provenienti da antichi palazzi veneziani, cattedrali medievali e chissà quale altro edificio in Europa o nel mondo. Le sale non sono arredate con criteri cronologici, geografici o stilistici, quanto piuttosto per rievocare una certa atmosfera e suscitare emozioni nel visitatore. In ogni sala ci sono dei fogli plastificati che illustrano brevemente ognuna delle opere esposte, e che rivelano alcuni dei tanti grandi nomi che Isabella ha messo insieme: Giotto, Pollaiolo, Raffaello, Pier della Francesca, Rembrandt e molti altri.

L’espansione architettonica più recente è firmata da Renzo Piano.

Il museo offre visite guidate gratuite, di due tipi: una introduttiva, della durata di mezz’ora, che racconta la storia del museo e la biografia di Isabella, e una più specifica, dedicata alle opere, della durata di un’ora. Io ho fatto entrambe, e ti consiglio di fare soprattutto la prima (la seconda solo se hai tempo e voglia di approfondire). Trovi le informazioni su giorni e orari delle visite sul sito ufficiale dell’Isabella Steward Gardner Museum.

corte interna del isabella steward gardner museum
Isabella Steward Gardner Museum

Cosa vedere a Boston: i suoi quartieri

L’identità di Boston è composta da quelle dei suoi quartieri, ognuno con la sua storia e la sua atmosfera diversa da quella di ogni altro. Alcuni molto eleganti e esclusivi, altri popolari; alcuni quartieri etnici in apparente contrasto con altri decisamente internazionali. Ognuno merita una passeggiata senza meta, per osservare lo stile delle abitazioni, per curiosare nelle vetrine dei negozi e per annusare gli odori provenienti dalle cucine di ristoranti e chioschi di strada.

In particolare ti consiglio di non perderti:

Beacon Hill

Beacon Hill è il più elegante quartiere storico del centro cittadino, che costituisce il nucleo originario di Boston. Le sue abitazioni sono magnifiche e carissime case a schiera del 1700 e 1800 e la stradina di Acorn Street, con il suo acciottolato, è un pezzettino della Boston del passato rimasto intatto. A Beacon Hill si trovano alcuni dei monumenti più importanti, collegati dal Freedom Trail che attraversa il quartiere.

fiori nei giardini del quartiere di beacon hill

North End

La Little Italy di Boston, dove si sono concentrati gli immigrati italiani, e dove sventola ovunque il tricolore, soprattutto nei tantissimi ristoranti italiani. Confesso che non vado matta per le Little Italy all’estero, ma vale comunque la pena di farci una passeggiata, magari per visitare la casa di Paul Revere (che si trova a North End), per raggiungere la USS Constitution (che si trova oltre il ponte all’estremità nord del rione) o solo per sbirciare le trovate improponibili dei ristoranti italo-americani.

Back Bay

Le sue case a schiera in stile vittoriano e le sue strade tranquille mi sono piaciute persino di più di quelle di Beacon Hill. A Back Bay c’è anche la splendida Boston Library, e alcuni shaopping mall. Uno di questi è il Prudential Center, un grattacielo con un grande magazzino ai piani più bassi. All’ultimo piano dell’edificio c’è un punto panoramico da cui godere della vista della città dall’alto, dove mi sarebbe piaciuto molto salire. ma ho stupidamente rimandato all’ultimo giorno, quando pioveva a dirotto e le nuvole basse impedivano di vedere qualsiasi panorama. Te lo segnalo comunque, se ci fammi sapere se ne è valsa la pena!

strada del quartiere di back bay
Back Bay

China Town

Non amo i quartieri italiani ma adoro quelli cinesi, specialmente quando scopro che vi convivono le culture cinesi e taiwanesi insieme (a proposito, scopri l’itinerario del mo recente viaggio a Taiwan!). Oltrepassando il classico arco con i due leoni guardiani l’atmosfera cambia, insieme con i rumori e gli odori della città. Ovunque le bandiere della Cina e di Taiwan sventolano affiancate, e qui ho mangiato uno dei pasti di cucina cinese più buoni di sempre (te ne parlerò più avanti).

I cimiteri storici di Boston

Nel pieno centro di Boston ci sono tre antichi cimiteri tutti risalenti al 1600, e cioè ai primissimi coloni che si stabilirono qui dall’Europa. Anche se non sei abituato a visitare cimiteri, questi sono talmente importanti dal punto di vista storico (e affascinanti da quello artistico) che sono comunque una delle cose da fare a Boston. In questo post mi limito a elencarli brevemente perché presto approfondirò l’argomento con un post specifico per la rubrica Cemetery Safari.

King’s Chapel Burying Ground

Il più antico cimitero di Boston fu fondato nel 1630, lo stesso anno della fondazione della città stessa. Qui sono sepolti molti dei puritani pellegrini che arrivarono per primi in America, ma anche politici, pirati, soldati, bambini… è sicuramente il mio preferito dei tre.

Copp’s Hill Buryng Ground

Costruito nel 1659, il secondo cimitero, quello di Copper’s Hill, si trova all’estremità nord della città, dove oggi si trova il quartiere di North End.

Old Granary Burying Ground

Nel 1660, quando fu fondato, un terzo cimitero era già necessario perché i primi due non bastavano a far fronte alla crescita della città. Qui sono sepolti i genitori di Benjamin Franklin (avevo visitato la tomba del loro illustre figlio a Philadelphia qualche anno fa), l’eroe rivoluzionario Paul Revere, le vittime del massacro di Boston e molte altre importanti personalità locali.

I cimiteri di Boston sono considerate vere e proprie attrazioni turistiche, e fanno parte del Freedom Trail. Per questo sono sempre affollati di visitatori e sono teatro di molte visite guidate di vario tipo, da quelle strettamente storiche ai tour dedicati a misteri e fantasmi. Se ti piace l’idea dai un’occhiata al mitico Ghost and Gravestones Tour!

lapide scolpita in un cimitero storico
King’s Chapel Burying Ground
tombe al cimitero di old granary
Old Granary Burying Ground

Visitare la USS Constitution

Questa visita è stata espressamente richiesta dal mio babbo, appassionato di navi storiche assai più di me. E devo ammettere che l’esperienza mi è piaciuta più di quanto avessi immaginato. La USS Consititution è la più antica nave ancora galleggiante al mondo, una fregata pesante a tre alberi (sì, l’ho letto su Wikipedia) costruita nel 1794 e ancora in servizio attivo nella Marina Americana. Anche se non va più in guerra, la USS Constitution oggi serve per istruire e affascinare migliaia di visitatori, guidati da marinai in uniforme che sono pronti a spiegare ogni singolo dettaglio tecnico della nave. La visita è gratuita, ma essendo un sito della United States Navy per l’accesso è necessario un documento di identità e ci sono controlli di sicurezza simili a quelli degli aeroporti.

uss constitution
La USS Constitution è così grossa che non ci entrava tutta.

Spero che il mio post ti sia stato utile per decidere cosa vedere a Boston! Se ci sei stato e hai altri consigli da aggiungere ai miei lasciami un commento e condividi la tua esperienza con altri viaggiatori.


Per organizzare il tuo viaggio ti consiglio:

boston cosa vedere
Ti è piaciuto questo post? Pinnalo!

Condividi il viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.